Come pulire la moka: consigli pratici

22 Settembre 2021
Come pulire la moka: consigli pratici

Mantenere la caffettiera in buone condizioni è fondamentale per garantire sempre un ottimo caffè. Proprio per questo è necessario pulire a fondo serbatoio e filtro, ma come fare? Ecco alcuni consigli pratici su come pulire la moka e mantenerla sempre perfettamente efficiente.

Come lavare la moka ogni giorno

Qualunque sia il materiale della moka, lavarla quotidianamente è semplice, è sufficiente infatti sciacquarla con acqua calda ed un detersivo neutro per eliminare i residui del caffè, che possono lasciare delle macchie nelle pareti interne ed esterne. 

Prendere invece uno spazzolino da denti con setole dure e strofinarlo sul filtro e sulle fessure vicine alla guarnizione, per eliminare ogni traccia dei fondi del caffè. Sciacquare bene sotto l’acqua corrente e poi, terminato il lavaggio, asciugare la moka usando un panno asciutto per farla risplendere. Per pulire la moka all’esterno, usare una spugna bagnata con parte abrasiva, sciacquare e passare sopra un panno inumidito con una soluzione di aceto bianco e acqua calda.

Evitare di lavare la moka in lavastoviglie, perché si opacizza col tempo e non verrà mai brillante come quando viene lavata a mano e asciugata con cura. Prima di riporla nella credenza, accertarsi che l’imbuto sia del tutto asciutto. Infatti, se rimane umido può dare origine alla formazione di muffa.

Prima di richiuderla per riporla in credenza, inoltre, assicurati che il serbatoio sia completamente asciutto. In caso contrario, l’umidità potrebbe degenerare in muffa: il consiglio è di riporre il serbatoio su un fornello spento, ma ancora caldo, e attendere per qualche minuto, fino a quando l’acqua all’interno sarà completamente sparita.

Come pulire la caffettiera moka ogni settimana

Pulire la moka in maniera più approfondita è indispensabile per ottenere sempre un buon caffè e mantenere la macchinetta sempre efficiente. Ogni settimana, pertanto, effettuate una pulizia più a fondo per evitare l’ossidazione degli oli e degli acidi grassi che rimangono inevitabilmente attaccati sulle pareti interne della caffettiera.

L’ossidazione rende il caffè rancido e ne modifica l’aroma, e forma anche altri prodotti secondari dannosi per la salute, come chetoni, polimeri, acidi, idrocarburi e altro. Ecco perché almeno una volta alla settimana bisogna pulire il filtro e la canna della caraffa in modo approfondito. Ecco come fare:

  • Immergere in una bacinella con acqua bollente i pezzi della moka;
  • Aggiungere un cucchiaino di sale fino e acido citrico.

L’acido citrico combinato con l’acqua bollente favorirà l’eliminazione di tutti i residui di sporco e assicurerà una pulizia profonda alla moka.

Come togliere il calcare dalla moka

Come si pulisce la moka dal calcare? La caffettiera va decalcificata almeno una volta al mese, anche se ovviamente la pulizia dipende soprattutto da quante volte viene usata la moka. Il procedimento per togliere il calcare dalla caffettiera è il seguente:

  • Versare acqua e aceto bianco in parti uguali nella parte inferiore della moka, fino a riempirla del tutto;
  • Aggiungere un po’ di sale fino e richiudere la caffettiera;
  • Mettere la moka sul fornello, come se si dovesse preparare il caffè;
  • Quando nella parte superiore esce la miscela di acqua e aceto, viene eliminato anche il calcare.

A questo punto la moka è perfettamente pulita. Ma per eliminare qualsiasi traccia di aceto, preparare il caffè normalmente con qualsiasi miscela e, quando esce, utilizzarlo per preparare il successivo, quindi metterlo nel serbatoio al posto dell’acqua e lasciare i fondi nel filtro.

Rimettere la moka sul fuoco e, quando esce nuovamente il caffè, gettarlo via. Ora la moka non ha più calcare ed è pronta per essere utilizzata.

Vai all'articolo precedente:Caffè sospeso: cos'è e come nasce questa tradizione
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su